Archivi del mese: giugno 2014

Lettera ai nuovi europarlamentari

579735dc32c7c24db3215e56da51d2e4

Gentile Onorevole,

La disoccupazione giovanile e’ ai massimi storici in Italia e’ un’intera generazione di giovani stanno emigrando sempre di piu’ all’estero.

Per questo l’anno scorso abbiamo creato Giovani Italiani Bruxelles, un’iniziativa indipendente, apartitica, senza finanziamenti e volontaria volta a chiedere politiche concrete per i giovani italiani.

L’iniziativa è stata lanciata a gennaio 2013 da ragazzi italiani che vivono nella capitale politica europea. Siamo stagisti, lavoratori precari e professionisti, disoccupati e studenti.

Proposte

In questo anno e mezzo di lavoro, abbiamo lavorato sull’elaborazione di proposte concrete per fare sentire la voce dei giovani italiani all’estero.

  • Un’iniziativa di gran successo è stata la campagna #Garanziaover25, attraverso cui abbiamo chiesto al governo italiano di non limitare la fascia d’età della misura UE ‘Garanzia per i  Giovani’  solo ai giovani tra i 15 e i 24 anni, ma di estenderla agli under 29. L’appello é stato sostenuto da diversi eurodeputati italiani appartenenti ai principali gruppi politici.

  • La pubblicazione di #AppelloEuropa – ‘proposte per un’Europa giovane’ un documento che comprendeva punti su: una maggiore attenzione per le politiche giovanili, un piu’ efficace e trasparente uso dei fondi europei, proteggere e migliorare la mobilita’ europea e ribadire la necessita’ di avere politici preparati e qualificati (campagna #ParlamentareChi).

Collaborazioni ed eventi

Durante la precedente legislatura europea, abbiamo collaborato con diversi membri italiani del Parlamento Europeo provenienti da diversi schieramenti politici. Ci teniamo a ricordare che l’iniziativa é apartitica, poiché dare priorità ai giovani va al di là di qualsiasi schieramento politico.

Tra queste collaborazioni, ricordiamo l’organizzazione di due eventi al Parlamento Europeo:

Recentemente abbiamo organizzato dei dibattiti pre-elettorali per le elezioni europee:

La presente è per invitarLa a conoscerci e valutare insieme le possibilità di collaborazione durante il corrente mandato parlamentare 2014-2019.

Noi,  crediamo fermamente nelle potenzialità del nostro Paese e dei suoi giovani e vogliamo che il nostro Paese torni a credere in se stesso. Chiediamo di lavorare insieme, per ricostruire il nostro futuro e quello dell’Italia.

Speriamo di trovare in Lei un orecchio attento e sensibile alla situazione dei giovani italiani, appartenenti ad una generazione ricca di talento e impaziente di realizzarsi.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Parte la web serie dei Giovani italiani all’estero – Emergency Exit Doc

Abbiamo il piacere di pubblicare la prima parte della web serie di Emergency Exit della giovane regista Brunella Fili. 

http://www.emergencyexit.it/

La prima tappa della serie web è Bruxelles, ed i protagonisti sono : Nicola da Brindisi (pianista jazz), Giuseppe da Grottaglie (sales manager per un’azienda italiana a Bruxelles), Pietro da Casarano (titolare del bar Caffè Italiano) ed infine e Daniel e Francesca (fondatori di Giovani Italiani a Bruxelles) che hanno invitato il team di ‘Emergency Exit’ al Parlamento Europeo, a presentare il documentario, durante una tavola rotonda tra Europarlamentari e giovani italiani emigrati a Bruxelles.

EMERGENCY EXIT – Giovani italiani all’estero – La serie – 01. Bruxelles from Emergency Exit Docutrip on Vimeo.

Patrizia archeologa nel Regno Unito; Camilla, commessa in Norvegia, Nicola insegnante in Spagna, Anna veterinaria in Austria, Mauro musicista jazz in Francia, Chiara project manager al Moma di New York.

Sono solo alcuni dei giovani italiani che si stanno costruendo un futuro all’estero, ai quali ha dato voce Brunella Filì in ‘Emergency Exit, il ‘docutrip’ presentato al Festival del Cinema Europeo di Lecce. Dal film documentario, prossimamente in uscita nelle sale, si sta sviluppando, grazie alla vittoria del bando della Regione Puglia, Principi Attivi 2012, e al sostegno dell’Ufficio Pugliesi nel Mondo, anche una versione in forma di serie web a episodi, in cui altri ragazzi italiani – e soprattutto pugliesi – emigrati all’estero potranno condividere le loro esperienze.

”L’idea era fare tappa in sei città del mondo e raccontare queste storie di ‘piccoli esili’ – spiega la regista, pugliese classe 1982 – “Sono partita zero-budget’ prendendo la mia telecamera e andando a Vienna dalla mia conterranea Anna. Dopo, ho deciso di lanciare il progetto sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo e abbiamo avuto un’attenzione inaspettata”. Infatti la produttrice americana Beth di Santo, nipote di emigrati italiani ha deciso di co-finanziare il film, al quale hanno dedicato spazio anche testate internazionali come Bbc e The Guardian , oltre che nazionali come Internazionale, Ansa, La Stampa, Rai News 24 e Rai 3 Agorà.
Ora la serie web ”permetterà di arricchire l’affresco – aggiunge la regista – ripercorrendo altre storie, a ritroso, riportando le voci lontane dei giovani expats qui, in Italia e in Puglia, dove ho avuto la possibilità di tornare e fondare la mia casa di produzione Officinema Doc, insieme alla mia amica Lucia Crollo. Molti italiani all’estero si confrontano, fanno proposte, sperano un giorno di poter tornare”, afferma la regista.
E se il film si apre con le immagini degli emigrati italiani in Svizzera degli anni’50 ’60, seguite dalle dichiarazioni dei politici italiani, da Berlusconi a Monti, sulla ‘fuga di cervelli’, come contraltare arrivano i volti, di laureati, studenti, ricercatori, ragazzi in cerca di un’opportunità, che dopo precariato e disoccupazione in Italia hanno scelto di andarsene. Si ricorda infatti che oltre 100.000 giovani italiani (under 35) sono andati a vivere all’estero dal 2010, il 70% sono laureati.

Nella serie web la regista, ritornata a casa, racconta il suo viaggio alla ricerca dei giovani che hanno lasciato l’Italia, ricordando, riascoltando, riflettendo, ridando loro spazio nel dibattito sui giovani. Nel tentativo sincero di riconciliare queste storie di affermazione altrove con il qui ed ora di casa nostra e, di riflesso, di tutta l’Italia.
Per tutti i futuri appuntamenti e gli aggiornamenti sulle prossime puntate seguite Emergency Exit sulla pagina FB e sul sito ufficiale.

 

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Spagna e Italia perdono i Mondiali per l’occupazione giovanile

Spagna e Italia perdono i Mondiali per l’occupazione giovanile

541724_10150996096103397_1889813837_n

 

Delle 10 squadre provenienti dall’Unione europea che da stasera si contenderanno la Coppa del Mondo 2014, solo la Germania e l’Olanda si posizionerebbero in alto se la competizione fosse basata sui livelli di occupazione giovanile.

La Spagna, campione del mondo in carica, e l’Italia, campione nel 2006, arriverebbero sicuramente in fondo alla classifica in Brasile, con un livello di disoccupazione giovanile rispettivamente del 53% e 42%.

La classifica dell’occupazione giovanile per i paesi europei nella Coppa del Mondo 2014

Solo due dei Paesi dell’Unione Europea che partecipano ai Mondiali di calcio 2014 hanno livelli di disoccupazione giovanile inferiore al 15%.

1. Germania 7.8%

2. Olanda  11.3%

3. Inghilterra 18.9%

4. Belgio  23.9%

5. Francia 23.4%

6. Portogallo 35.4%

7. Italia 42.7%

8. Croazia 49.0%

9. Spagna 53.9%

10. Grecia 56.8%

Per Giovani Italiani Bruxelles, un’associazione giovanile indipendente, non é stato fatto abbastanza per affrontare il problema crescente della disoccupazione giovanile in Europa, che ha ormai raggiunto livelli record in tutto il continente.

“La generazione  piú qualificata di sempre ha ricevuto un cartellino rosso nel mercato del lavoro prima ancora di aver avuto la possibilità di giocare. Mentre la Spagna e l’Italia sono tra i favoriti in Brasile, c’è poco da festeggiare quando si tratta di opportunità di lavoro nel loro paese.”

”La nostra generazione ha bisogno di sentire proposte concrete da parte dei politici, proposte utili a creare nuovi  posti di lavoro e opportunità per i giovani, non solo slogan elettorali”.

La disoccupazione giovanile nell’UE ad oggi é al 22.8%.

ENDS

  1. Youth unemployment sources in EU taken from Eurostat:http://epp.eurostat.ec.europa.eu/cache/ITY_PUBLIC/3-02052014-AP/EN/3-02052014-AP-EN.PDF
  2. Latest UK youth unemployment statistics:http://www.parliament.uk/business/publications/research/briefing-papers/SN05871/youth-unemployment-statistics

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Spain and Italy lose in World Cup of Youth Employment

541724_10150996096103397_1889813837_n

Out of the 10 teams from the European Union at World Cup 2014, only Germany and the Netherlands would fair well if the competition was based on youth employment.

Current world champions Spain, along with 2006 champions Italy, would almost certainly lose in Brazil, with youth unemployment standing at 53% and 42% in the two countries.

European youth unemployment league table World Cup 2014

Only two European Union countries at World Cup 2014 have youth unemployment levels under 15%.

1. Germany 7.8%

2. The Netherlands  11.3%

3. England (UK average)18.5%

4. Belgium  23.9%

5. France 23.4%

6. Portugal 35.4%

7. Italy 42.7%

8. Croatia 49.0%

9. Spain 53.9%

10. Greece 56.8%

For Giovani Italiani Bruxelles {Young Italians Brussles}, an independent youth association, not enough is being done to tackle the increasing levels of youth unemployment in Europe which has now reached record levels across the continent.

” Europe’s most academically qualified generation ever was given a red card in the job market before it even got a chance to play. While Spain and Italy may be among the favourites to do well in Brazil, there’s little to celebrate when it comes to job opportunities back home. ”

” Our generation needs to hear concrete proposals from politicians to boost jobs and opportunities for young people, not just tokenistic slogans used at election time.”

Youth unemployment across the EU currently stand at 22.8%. 5.3 milion  young Europeans are currently out of work.

ENDS

Notes to editors

  1. Youth unemployment sources in EU taken from Eurostat: http://epp.eurostat.ec.europa.eu/cache/ITY_PUBLIC/3-02052014-AP/EN/3-02052014-AP-EN.PDF
  2. Latest UK youth unemployment statistics: http://www.parliament.uk/business/publications/research/briefing-papers/SN05871/youth-unemployment-statistics
  3. Giovani Italiani Bruxelles (Young Italians Brussels) is an independent youth campaign group created in 2013 by young Italians in the EU capital that focusses on the emigration of young Europeans during the economic crisis. The association is not linked to any political party and receives no funding. http://giovanibruxelles.org/about/

For media comment, contact us: info@giovanibruxelles.org

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized