41,9% – il record storico che non vogliamo

no grazie

Purtroppo non e’ una sorpresa.

Secondo i dati OCSE oggi abbiamo superato il 40% di disoccupazione giovanile in Italia.

A Gennaio 2013 questa cifra era al 37%. A Marzo 2013 era salita al 38%.

Questa triste realta’ dimostra l’urgenza di reagire da parte delle forze politiche per promuovere politiche giovanile con una strategia lungimirante per l’occupazione in Italia.

Senza politiche concrete questa cifra continuera’ a salire, e spingera’ sempre piu’ persone a cercare opportunita’ fuori dal nostro paese.

A seguito della pubblicazione di un articolo online su Il Fatto Quotidiano, abbiamo ricevuto numerose richeste di ragazzi in Italia senza lavoro che ci chiedono: “come posso trovare lavoro a Bruxelles? C’e’ speranza almeno li’?”.

La questione fondamentale per tutte le forze politiche e’: come far restare questi ragazzi nel paese, come fare il piu’ presto possibile le riforme necessarie per far ripartire l’economia e il mondo del lavoro.

A febbraio prime delle elezioni nel nostro #appellogiovane abbiamo elaborato 5 prime proposte riguardanti 5 temi centrali:

1. Un investimento nell’istruzione e nella ricerca

  • Rimettere al centro della politica la scuola e l’università con investimenti pubblici e standard di qualità in linea con la media europea
  • Rendere lo studio un diritto accessibile a tutti
  • Un impegno per investire in ricerca ed innovazione

2. Formazione e ingresso nel mondo del lavoro

  • Orientamento e formazione – creare un legame piú forte tra scuola e mondo del lavoro
  • Regolamentazione di stage e apprendistato
  • Riforma ordini professionali

3. Incentivi all’assunzione dei giovani

  • Chiediamo agevolazioni fiscali per l’assunzione dei giovani a tempo indeterminato
  • No all’abuso dei contratti di lavoro atipici, come i contratti a progetto, usati per nascondere rapporti di lavoro subordinati

4. Accesso agevolato al credito

  • Sostenere i giovani imprenditori e lavoratori autonomi

5. Esercizio del diritto di voto all’estero

  • Riformare l’attuale legge che esclude dal diritto di voto gli italiani che si trovano temporaneamente all’estero per motivi di studio o lavoro
  • Prevedere la possibilità di esercizio del diritto di voto presso le sedi diplomatiche Italiane, per corrispondenza o per delega

Testo completo, proposte dettagliate: https://giovanibruxelles.files.wordpress.com/2013/01/appellogiovane_testo-completo.pdf

Vorremo organizzare un prossimo evento/dibattito su questi punti.

Se sei interessato a partecipare, mandaci una mail a giovani.bruxelles@gmail.com

 

Advertisements

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Una risposta a “41,9% – il record storico che non vogliamo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...