Archivi del mese: maggio 2013

41,9% – il record storico che non vogliamo

no grazie

Purtroppo non e’ una sorpresa.

Secondo i dati OCSE oggi abbiamo superato il 40% di disoccupazione giovanile in Italia.

A Gennaio 2013 questa cifra era al 37%. A Marzo 2013 era salita al 38%.

Questa triste realta’ dimostra l’urgenza di reagire da parte delle forze politiche per promuovere politiche giovanile con una strategia lungimirante per l’occupazione in Italia.

Senza politiche concrete questa cifra continuera’ a salire, e spingera’ sempre piu’ persone a cercare opportunita’ fuori dal nostro paese.

A seguito della pubblicazione di un articolo online su Il Fatto Quotidiano, abbiamo ricevuto numerose richeste di ragazzi in Italia senza lavoro che ci chiedono: “come posso trovare lavoro a Bruxelles? C’e’ speranza almeno li’?”.

La questione fondamentale per tutte le forze politiche e’: come far restare questi ragazzi nel paese, come fare il piu’ presto possibile le riforme necessarie per far ripartire l’economia e il mondo del lavoro.

A febbraio prime delle elezioni nel nostro #appellogiovane abbiamo elaborato 5 prime proposte riguardanti 5 temi centrali:

1. Un investimento nell’istruzione e nella ricerca

  • Rimettere al centro della politica la scuola e l’università con investimenti pubblici e standard di qualità in linea con la media europea
  • Rendere lo studio un diritto accessibile a tutti
  • Un impegno per investire in ricerca ed innovazione

2. Formazione e ingresso nel mondo del lavoro

  • Orientamento e formazione – creare un legame piú forte tra scuola e mondo del lavoro
  • Regolamentazione di stage e apprendistato
  • Riforma ordini professionali

3. Incentivi all’assunzione dei giovani

  • Chiediamo agevolazioni fiscali per l’assunzione dei giovani a tempo indeterminato
  • No all’abuso dei contratti di lavoro atipici, come i contratti a progetto, usati per nascondere rapporti di lavoro subordinati

4. Accesso agevolato al credito

  • Sostenere i giovani imprenditori e lavoratori autonomi

5. Esercizio del diritto di voto all’estero

  • Riformare l’attuale legge che esclude dal diritto di voto gli italiani che si trovano temporaneamente all’estero per motivi di studio o lavoro
  • Prevedere la possibilità di esercizio del diritto di voto presso le sedi diplomatiche Italiane, per corrispondenza o per delega

Testo completo, proposte dettagliate: https://giovanibruxelles.files.wordpress.com/2013/01/appellogiovane_testo-completo.pdf

Vorremo organizzare un prossimo evento/dibattito su questi punti.

Se sei interessato a partecipare, mandaci una mail a giovani.bruxelles@gmail.com

 

Annunci

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Lettera aperta al Governo e a tutte le forze politiche italiane

Per il comunicato stampa: http://giovanibruxelles.org/media/

For the English version: Lettera Aperta inglese

VIDEO:  

Bruxelles, 28 Maggio 2013

lettaperta

“L’incubo” della disoccupazione giovanile è già realtà.

I numeri parlano chiaro: in Italia più di un giovane su tre è senza lavoro. L’emigrazione giovanile è aumentata del 30% solo nel
2012.

Partire sta diventando un obbligo, non più una scelta.

La mancanza di opportunità lavorative e meritocrazia sta spingendo un’intera generazione fuori dai confini nazionali.

Noi che siamo già partiti ci chiediamo quando potremo tornare.

Ci avete detto di studiare per poter trovare un buon lavoro.

E in cambio abbiamo avuto gli anni dell’ “I-TAGLIA”, dove istruzione e ricerca sono le prime vittime della ghigliottina.

Questi ultimi anni di scandali, corruzione e clientelismi hanno portato via al Paese la sua risorsa più importante: la fiducia nel futuro.

La fiducia non si conquista solo con le parole o le promesse, ma soprattutto con i fatti.

Per questo servono politiche concrete, misure urgenti e una strategia a lungo termine per l’occupazione in Italia.

Le politiche giovanili devono tornare al centro dell’agenda politica come strumento per dare al nostro Paese maggiore competitività.

I giovani italiani devono tornare a credere nella “buona politica”.

E’ arrivato il momento di partecipare attivamente con proposte e condivisione di esperienze che vengano realmente prese in considerazione.

Vi chiediamo di concentrarvi su cinque azioni chiave: investire nell’istruzione e nella ricerca, promuovere la formazione e l’accesso al mercato del lavoro, favorire le assunzioni dei giovani, semplificare l’accesso al credito e riformare l’esercizio del diritto di voto per i giovani temporaneamente all’estero.

L’Unione Europea deve tornare ad essere vista come risorsa al servizio dei cittadini.

La Garanzia Giovani, misura approvata dal Consiglio Europeo, prevede che tutti i giovani sotto i 25 anni abbiano diritto ad un’adeguata offerta di lavoro di qualità, una formazione o uno stage entro quattro mesi dalla fine dei propri studi. Lo stanziamento di fondi europei per la Garanzia è già stato approvato.

L’Italia non deve sprecarli come spesso è successo in passato ma usarli in modo appropriato.

Il governo italiano al vertice europeo di fine giugno deve farsi portavoce dei giovani e delle loro difficoltà, ottenendo lo stanziamento di €6 miliardi per la Garanzia Giovani.

Speriamo che il governo e tutte le forze politiche diano priorità alla nostra generazione.

Una generazione ricca di talento e impaziente di realizzarsi.

Crediamo nelle potenzialità del nostro Paese e vogliamo che il nostro Paese torni a credere in se stesso.

Vi chiediamo di lavorare insieme, Governo e giovani, per ricostruire il nostro futuro e quello dell’Italia.

Un investimento nei giovani è un investimento per il futuro del Paese.

I giovani sono “la garanzia”.

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

COMUNICAZIONE di SERVIZIO:

Grazie a tutti per il grande interessamento per l’evento il 28 maggio. Purtroppo dato il numero limitato di posti dobbiamo comunicarvi che non e’ piu’ possibile iscriversi all’evento e che solo chi ricevera’ conferma scritta entro stasera via email avra’ la garanzia dell’accesso al parlamento europeo.

Purtroppo qualcuno restera’ fuori, ci dispiace molto ma non dipende da noi ma dalla capienza della sala.

Via email arriveranno anche le istruzioni su come e dove recuperare il badge d’accesso domani pomeriggio.
Preghiamo le persone che gia’ dispongono di un badge (giornalisti e chi lavora all’Europarlamento) di recarsi direttamente alla sala ASP 5G305 verso le ore 18,15 di domani.
Grazie e a domani

Giovani Italiani Bruxelles

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Nuovo dominio: giovanibruxelles.org

Image

giovanibruxelles.org

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Intervista con la Consulta Giovanile di Giardini Naxos, (ME) Sicilia

A livello nazionale la disoccupazione giovanile e’ al 38%, e in Sicilia e’ al 50%.

Ci raccontano la loro esperienza i ragazzi della Consulta Giovanile di Giardini Naxos, un comune siciliano di all’incirca 9,000 abitanti.

Durante gli ultimi mesi siamo stati in contatto con vari gruppi e associazioni giovanili.

Ci interessano le loro prospettive e condividendo questo video desideriamo dare visibilità ai loro temi locali e alle loro problematiche anche qui a Bruxelles.

Questa video intervista ci e’ stata inviata della Consulta in occasione dell’evento al Parlamento Europeo il 28 Maggio.

Grazie a tutti i ragazzi della Consulta di Giardini Naxos/ speriamo che questo sia solo l’inizio di una più intensa collaborazione con tutte le organizzazioni giovanili locali italiane.

Lascia un commento

23/05/2013 · 16:47

La nostra voce al Parlamento Europeo

E’ ora di farci sentire.

Non possiamo lasciare altri parlare per noi.

evento28maggiodraft5

Nonostante una campagna elettorale durante la quale tante forze politche hanno ampiamente parlato di noi “giovani”, ancora non si vede nessun freno alla disoccupazione giovanile in Italia mentre l’emigrazione dei giovani all’estero continua ad aumentare.

Abbiamo creato questa iniziativa apartitica dal nulla a meta’ gennaio, con un primo obiettivo, chiaro, quello di puntare i riflettori sulla necessità di politiche concrete per i giovani italiani: sia per quelli emigrati all’estero che per quelli rimasti in Italia. Grazie all’ impegno di tanti ragazzi coinvolti nel gruppo – che continua a crescere – siamo riusciti a creare uno spazio di scambio di idee a Bruxelles sui problemi che i giovani affrontano in Italia e all’estero e sulle possibili soluzioni.

A meno di sei mesi dalla sua creazione, il gruppo Giovani Italiani Bruxelles è riuscito ad ottenere l’attenzione istituzionale che cercava per portare avanti le richieste a favore dell’occupazione giovanile per i giovani italiani che si affacciano al mondo del lavoro.

L’evento il prossimo 28 Maggio

Contiamo sulla tua partecipazione. Un primo evento si terra’ al Parlamento Europeo per discutere insieme a politici ed esperti dei potenziali benefici della “Garanzia Giovani”, la misura proposta dallo stesso Parlamento Europeo e recentemente approvata dal Consiglio Europeo, che prevede che tutti i giovani sotto i 25 anni abbiano diritto ad un’adeguata offerta di lavoro di qualità, una formazione o uno stage entro quattro mesi dalla fine dei propri studi.

Vorremo capire come questa “Garanzia” potrà migliorare il nostro futuro e chiedere che la politica torni finalmente ad occuparsi di noi, che crei le condizioni per cui ogni ragazzo/a in Italia sia libero di costruirsi il proprio futuro ed esprimere al meglio le proprie capacità, a vantaggio di tutto il Paese.

E’ solo l’inizio

Vogliamo rivolgerci a tutte le forze politiche, perche per noi il tema dei giovani va al di là di qualsiasi schieramento politico. Speriamo di poter organizzare altri eventi come questo, e di realizzare ancora più attitvità nei prossimi mesi. Abbiamo già iniziato a collaborare con altri gruppi in Italia e all’estero, gruppi che condividono con noi la convinzione che l’Italia non avrà futuro se continua a perdere intere generazioni.

Come partecipare?

Email: giovanibruxelles@gmail.com

Twitter: Live Tweets usando lo hashtag #nostravoce #giovanibxl #appellogiovane

Streaming: link da confermare

Facebook: http://www.facebook.com/giovaniitalianibruxelles

1 Commento

17/05/2013 · 11:55

Intervista Marco Zatterin, corrispondente a Bruxelles per La Stampa

Giovani Italiani Bruxelles intervista Marco Zatterin, corrispondente a Bruxelles per La Stampa, al Festival Internazionale del Giornalismo a Perugia.

Marco Zatterin conclude l’intervista dicendo: “andare fuori e’ anche una sconfitta, se andare fuori e’ una scelta obbligata”.

Che pensate? Lasciate i vostri commenti

 

Lascia un commento

03/05/2013 · 10:10